Rino Cavasino

RINO 2-DSC_0022 RINO 9-DSC_0096RINO 7-DSC_0074

dove segnalato le poesie sono tratte da un libro pubblicato con l’editore giraldi

ed.giraldi-rino cavasino, il tempestario.

Na spìngula c’un parpagghiuni

Scrissi nnâ lingua di me matri, e mancu

idda capìu, ma soccu ntisi

cci parsi àrabbu turcu ggirmanisi.

Ogni littra, ogni stizza chi sazzài,

ch’arricugghivi dâ so ’ucca,

dâ mia niscìu bbabbeli siccitusa,

mutàngula, orva e surda. Idda

taliàu senz’accanùsciri

un fìgghiu straviatu,

anniatu, arrivisciutu. Ogni littra,

ogni vìrgula era

na spìngula c’un parpagghiuni.

dal siciliano di Trapani:

Uno spillo con una farfalla

Scrissi nella lingua di mia madre, e manco

lei capì, ma quello che sentì

le parve arabo turco tedesco.

Ogni lettera, ogni goccia che assaggiai,

che raccolsi dalla sua bocca,

dalla mia uscì babele siccitosa,

mutastra, orba e sorda. Lei

guardò senza riconoscere

un figlio smarrito,

annegato, redivivo. Ogni lettera,

ogni virgola era

uno spillo con una farfalla.

L’ossa chi su’ toi?

I sciluccati principìanu a màiu,

– U fitusu ccà è, – dicìa a nonna –

ammucciatu darrè li ggilusìi –,

s’ittàu sciloccu tintu

nnâ staciuni, dda nica, dd’armaluzzu

di me cucina addivintàu picciotta,

ciusciànnucci nta ll’ussicedda

u ventu, custicedda

custicedda, sicca na bbusa, i ìrita

ntâ ’àggia murritiànnula,

– Ahi ahi, ’un mi tuccari l’ossa

tisi tisi. – Pirchì?

l’ossa chi su’ toi? ’unn hai nenti

di to. – Tòccami i minni,

u suli chi pigghiài mi nesci

di tutti bbanni – a ’uci trùbbula

e spinnata, vutànnusi a spiari

dda vìsina muddàcchiara

chi s’arrimina e cància

a peddi, i scagghi, i ìrita

si mpirugghiaru, scummigghiaru

a ggiarra senza funnu, u mussu

si cunzumàu, sazzàu l’ògghiu ammucciatu

d’ogni staciuni, di so matri,

dâ matri di so matri.

(da Il tempestario, Giraldi Editore, Bologna 2013)

Sono tue le ossa?

Le sciroccate cominciano a maggio,

– Il fetente qua è, – diceva la nonna –

nascosto dietro le gelosie –,

s’alzò scirocco cattivo

d’estate, quella piccina, quell’animaluzzo

di mia cugina diventò ragazza,

soffiandole tra gli ossicini

il vento, di costolina

in costolina, secca un ferretto, le dita

nella gabbia stuzzicandola,

– Ahi ahi, non mi toccare le ossa

tese tese. – Perché?

sono tue le ossa? non hai niente

di tuo. – Toccami le tette,

il sole che ho preso mi esce

da tutte le parti – la voce torbida

e vogliosa, voltandosi a spiare

quella biscia molliccia

che si contorce e cambia

la pelle, le scaglie, le dita

s’impigliarono, scoperchiarono

la giara senza fondo, il muso

si consumò, assaggiò l’olio nascosto

d’ogni estate, di sua madre,

della madre di sua madre.

Sangu d’aùstu

Dda ’rutta cunnu, ddu pirtusu

nìuru, àutu a vàrdia supra

a cappilluzza, funnu mutu dintra,

chinu d’ùmmira vagnata e muschitti

ncap’u lippu, chi mi sucàu

i longhi ìrita di l’occhi, rràdichi

di cèusu fora li ncagghiaru, cunnu

di petra chi mi ntrubbulàu,

comu chiddu moddu di tannu,

quannu ci vinni ncapu

i scogghi u sangu e moddi

cèusi cci scinneru, ova di rrizza

ntô lattumi nta li cosci, ggiarniàu,

cugghìu c’un gnìritu, careru

scorci vacanti, vìppiru

ddu bbruriceddu i scumi,

ddu sdisangatu vèspiru d’aùstu.

(da Il tempestario, Giraldi Editore, Bologna 2013)

Sangue d’agosto

Quella grotta fica, quel pertugio

nero, alto a guardia sopra

la cappelletta, fondo imbuto dentro,

pieno d’ombra bagnata e zanzare

sul muschio, che mi succhiò

le lunghe dita degli occhi, radici

di gelso fuori le incagliarono, fica

di pietra che m’intorbidò,

come quella molle d’allora,

quando le venne sopra

gli scogli il sangue e molli

gelse le scesero, uova di riccio

nel seme di tonno fra le cosce, impallidì,

colse con un dito, caddero

gusci vuoti, bevvero

quel brodetto le schiume,

quel dissanguato vespro d’agosto.

Nìuru di sìccia

a linces de discurso, xibias de interioridad

a linci del parlare, seppie d’interiorità

Baltasar Gracián

Ccà t’u sonni u suli di l’ìsula,

u scrùsciu di l’aceddi ncapu i scogghi,

di ncelu bbabbaluci chiòvinu

e i fìmmini ’un pìgghianu focu

si li vasi ntô cozzu, si t’arrìsichi

a tuccalli èttanu nìuru

di sìccia, sicci d’armi

nta sta sputazza di mari e di negghi,

annàcanu i capiddi comu rranfi

dâ ’rutta, l’occhi a vanidduzza mezzi

alluppiati, muti s’ammùccianu

pi spugghiàrisi, ntê cutruna,

ntê linzola su’ mènnuli

ntê scorci, su’ purpa funnuta

di laùsti, mirudda

nta ll’ossa, cos’i dintra, sonnu

ntô sonnu, ch’un poi vìdiri e sazzari.

Nero di seppia

Qua te lo sogni il sole dell’isola,

lo scroscio degli uccelli sugli scogli,

dal cielo piovono lumache

e le donne non pigliano fuoco

se le baci sulla nuca, se t’arrischi

a toccarle buttano nero

di seppia, seppie d’anime

in questo sputo di mare e di nebbie,

cullano i capelli come tentacoli

dalla grotta, gli occhi a spiracoli mezzi

alloppiati, mute si nascondono

per spogliarsi, nelle coperte,

nei lenzuoli sono mandorle

nei gusci, sono polpa profonda

d’aragoste, midollo

nelle ossa, budella, sogno

nel sonno, che non puoi vedere e assaggiare.

***

Mi piaceva, abbracciandola, con bende

di mani il capo fasciarle, sapere

sulle dita di garza, sotto i fini

capelli, la curva lunga e sottile

della volta, nell’incavo ospitarla

di guancia collo spalla, con i palmi

di gesso come tenera calotta,

come un secondo cranio contenerla.

Diàuli

Avi diàuli chi cci nàtanu

dintra, ciunnatu u mussu,

l’aricchi, la nginàgghia. Sali

chi ’ugghi ncapu i rrini

castiati si strica, ncapu a cura

chi s’arrimina e si mpirtusa.

Fuennu pî rrinòcchia

arrimuddati, dâ peddi arrizzata

trasennu, fannu scrùsciu

di zùccaru ntô latti càuru càuru.

Diavoli

Ha diavoli che le nuotano

dentro, graffiato il muso,

le orecchie, l’inguine. Sale

che bolle sulle reni

castigate si sfrega, sulla coda

che si contorce e penetra.

Scappando per le ginocchia

rammollite, dalla pelle accapponata

entrando, fanno un fruscio

di zucchero nel latte caldo caldo.

Latti chianciutu

– ’Un chiànciri, si chianci

chi cci duni a sucari

ô picciriddu, latti

di larmi? – Larmi

di minni, minni

di l’occhi. – Si rridi… – Si chiànciu

si rridu, soccu

cci dugnu, soccu

mi suca è latti

di scecca acciuncata, di crapa

assicutata, di vacca spunnata,

latti di fìmmina

maluvinturusa. – Chiddu chi vivi

iddu t’u vivi. – Tuttu

m’u vippi, tuttu

m’u vivi, latti

abbuccatu marciutu salimastru,

latti di larmi

e cinnirazzu, allura allura

malumunciutu

latti chianciutu.

Latte pianto

– Non piangere, se piangi

che gli dai da succhiare

al bambino, latte

di lacrime? – Lacrime

di poppe, poppe

degli occhi. – Se ridi… – Se piango

se rido, quello che

gli do, quello che

mi succhia è latte

di ciuca sciancata, di capra

scacciata, di vacca sfondata,

latte di femmina

malavventurata. – Quello che bevi

lui te lo beve. – Tutto

me lo sono bevuto, tutto

me lo beve, latte

versato marcito salmastro,

latte di lacrime

e brace, appena

malmunto

latte pianto.

Estate

Sei prossima oramai, t’annuncia torpida

lingua dell’aria, serpe viscida

mi lecca tra le persiane socchiuse

scirocco: indugio spiando lo squarcio

sul cielo di bronzo, se ferva sordo

ronzio meridiano, se palpiti

fulva criniera dell’aria e già marcio

fiato mi tocchi di bestia assopita,

se molesto scirocco ti ridesti,

mentre al volatile seme di sabbia

ingravidi, e presto infine ai quieti

rami dell’anno ti spicchi la sua

rapinosa risacca.

Rrùggia cùbbula                                                                   

Anzi ch’u scuru ammutta

stu vèspiru abbuccatu,

sta siritina ggiusta ggiusta

di màchini d’èpuca scuppunati,

anzi ch’u ventu scira

sta cummèdia di strazzi ggiarni

e fumu e cìnniri svacanta

nnê chiazzi di stigghioli càuri,

anzi ch’u iocufocu dâ staciuni

astuta l’acqua pigghiata di mmìria,

darrè a cala, sutta

i lampadini a passuluni mmezzu

l’àrvuli, nta ddu iardineddu

di piddusinu e di basiricò,

di ggersuminu ch’arrimodda

e di cannedda rrùggia cùbbula,

nta dd’agghiacciata vuccirìa d’a mari,

anzi chi squàgghia, a idda

cci vulissi cunnùciri,

cu idda cci vulissi ddimurari.

Ruggine cupola

Prima che il buio spintoni

questo vespro traballante,

questa serata in bilico

di macchine d’epoca decappottate,

prima che il vento laceri

quest’aquilone di stracci giallognoli

e fumo e cenere rovesci

sulle piazze di budella calde,

prima che i giochi di fuoco dell’estate

spenga l’acqua presa d’invidia,

dietro la cala, sotto

le lampadine penzoloni in mezzo

agli alberi, in quel giardinetto

di prezzemolo e di basilico,

di gelsomino che rammollisce

e di cannella ruggine cupola,

in quella ghiacciata vucciria di mare,

prima che si sciolga, lei

vorrei portarci,

con lei vorrei abitarci.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s